Demenza: rischio aumentato con ipotensione posturale

Demenza: rischio aumentato con ipotensione posturale

Giramenti di testa, acufene, vertigini, cefalea – sintomi dovuti a un brusco calo di pressione anche detto ipotensione ortostatica o posturale – ogni volta che ci si alza in piedi potrebbero essere associati a rischio di demenza nei successivi anni. A rivelarlo è una ricerca condotta da Andreea Rawlings, della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health a Baltimora e pubblicata su Neurologyche. Lo studio ha coinvolto oltre 11 mila soggetti di età media 50 anni seguiti per oltre 25 anni di osservazione, ed ha dimostrato che chi soffre di ipotensione posturale ha un rischio di ammalarsi di demenza maggiore del 54% rispetto alla popolazione generale e un rischio doppio di ictus.

 

Continua la lettura su Popsci.it

 


Tags assigned to this article:
demenzaipotensione

Related Articles

Cervello: realizzata su topi la prima mappa completa delle sinapsi

Una rete luminosa interconnessa. E’ pronta la prima mappa delle connessioni cerebrali. Grazie a questa mappatura gli scienziati potranno meglio

Memoria: per quella a lungo termine c’è la stimolazione transcranica a corrente alternata

La stimolazione transcranica a corrente alternata (tACS) migliora il consolidamento della memoria a lungo temine. È quanto suggerisce una ricerca

Un approccio biochimico per capire l’importanza del sonno

Due anni fa, alcuni scienziati giapponesi hanno riferito la scoperta di un topo che proprio non riusciva a rimanere sveglio.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*