Attività di Ricerca

Schemi di prescrizione italiani nel disturbo ossessivo-compulsivo

medicine

Lo scopo del presente studio è indagare i modelli di prescrizione psicofarmacologica in un ampio campione (n = 1815) di pazienti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) reclutati in 4 centri italiani specializzati in DOC, rispetto alle linee guida nazionali e internazionali disponibili. Ai centri è stato chiesto di compilare un questionario specifico sullo stato terapeutico dei pazienti. Le analisi statistiche sono state effettuate da SPSS. I risultati hanno mostrato che quasi tutti i pazienti si sono rivolti ai centri di Milano, Pisa e Roma hanno ricevuto farmaci psicotropi, mentre solo il 59,9% (313) lo ha fatto a Torino. Gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina sono stati i farmaci più utilizzati tra il 49,0% e il 71,5%. La clomipramina veniva prescritta più spesso a Roma e Pisa che a Milano e Torino. Lo stesso valeva per altri antidepressivi triciclici. Gli antipsicotici di seconda generazione erano più spesso prescritti a Pisa e a Milano. Gli stabilizzatori dell’umore venivano usati quasi esclusivamente a Pisa.

Nel loro insieme, i risultati generali suggeriscono che, sebbene i principali centri italiani specializzati in DOC seguano le linee guida disponibili, esiste un certo grado di variabilità. Ciò può dipendere dal diverso background educativo, dalla disponibilità di altre strategie terapeutiche specifiche, nonché dai vari livelli di gravità e comorbilità dei pazienti.

Continua a leggere su PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28967153

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *